Social justice : an antidote to organized crime – Libera’s trip to Latin America

ENGLISH

Democratic legality has to face and solve the problem of organized crime. This is what 50 organisations from 11 countries of the world are affirming these days (from the 11 to the 18th December) in Ubaque, Colombia, at the Second Assembly of RED ALAS – Latin America Social Alternative. The network was born in 2015 in Mexico, and since then, has been working on numerous national and international projects to elaborate civil resistance strategies in order to create social, political and legal alternatives to organized crime. Latin America, ravaged by powerful criminal organizations and by armed groups of different nature, is the most accurate place to take stock on what has already been done.
We are discussing the subject with Giulia Baruzzo from Libera International, an Italian organization present at the meeting and keystone of the network.

Since you became a network in May 2015 in Mexico, you launched 18 social transformation projects. What results did you achieve ?

Even though the 18 projects went very well, we still haven’t shared them. Generally, the bigger result is the formation of a national network of the civil society organisations that are part of Red Alas. For example in Mexico, thanks to the network, there is an organisation bringing together more than 20 associations, that supported the actual laws on the re-use of confiscated goods and on the « desaparición forzada » ( an important law to unveil truth, justice and guarantees of non-repetition to the relatives of the victims officially disappeared, victims of sequestration or of homicide, ed.)
In Mexico as well was approved a few days ago a terrible law on internal security as it legalizes the repression of civil society demonstrations. This Mexican network is at the forefront to oppose itself and sensibilise public opinion not only about the law but also about what is succeeding at the level of the President of the Republic, since citizens generally don’t know about it. We made a joint declaration about 7 thematic axis on the basis of which we launched an internal call for proposal, to which all could participate by presenting a project based on a tab they had to follow. For example, on « Prevención social y educación informal » (Social prevention and informal education, ed.), that was one the thematic axis chosen during the first assembly (in 2015, ed.), 5 projects all dealing with education for the young, informal education and recreative activities were realized. One in particular was beautifully done, and was called « Futuro scopio » : children from different countries (Bolivia, Mexico, Colombia) learned what was photography, how it was done and what was its use. They had to photograph their reality, first analyzing the contexts in which they were. Then, it became an exhibition and an exchange (as the young of Bolivia and Mexico saw the pictures of Colombia and vice and versa).

In 2017, you developed five community-led researches the use of confiscated foods in many Latin America countries. Of what kind of confiscated goods do you take care ? How is the participative processus ?

It depends on the country. We especially talk about criminal goods, and, when it is possible, go goods linked to acts of corruption, as in Guatemala for example. It depends on the specific legislation. Though, generally, we start from the thesis that the confiscation of ill-gained goods is a tool to attack organized crime and corruption, also at the economic level. In that sense, it is right to analyze and study what is succeeding in the country, to understand how to implement a law or how to exchange good practices at the national level. But also to promote, as final objective, the social reuse of confiscated goods. As we are doing in Italy.

The same thing?

The social reuse of organized crime confiscated goods that we have in Italy is unique in the world. It is a good practice that only us have.

I imagine that it is the model you are proposing in this network ?

Yes, it is. Although it isn’t actually a new model for Alas, where we’ve been talking about it for years, in the context of the exchange of good practices. Nevertheless, for the first time, the organisations of 5 other countries have analyzed the situation to identify similar cases, maybe linked to the good practices on confiscated goods, or the cases in which there is a confiscation in the negative sense (when this tool is somehow abused). We started to develop a certain consciousness and expertise on the theme, also from organisations that do not particularly work on this subject. We have started to obtain tangible results : for example, in the new Constitution of Mexico City was approved, a few days ago, a law on the social use of confiscated goods.

The network is based on the respect of the principle of legality and of the public institutions, to preserve it and to defend it. But what happens when the crime is committed by the State, as it has happened for a long time in Colombia?

No, no, no. At a time we would talk about it. Now, we talk about social justice and democratic legality; We do not talk about « legality » but about democratic legality, and above all, about social justice, which is our preferred term. As Libera does in Italy. In Latin America, as you know, it is useless to all about legality as criminality can be found inside the State, and corruption is one of the most effective tools to create a « criminal state ». Hence, we cannot talk about legality. Legaly is the consequence of the fact that there is a good policy, where it exists.

About Colombia, given the fact that you are there at the moment, what is the post-conflict situation ? Is the people in the same situation of danger and abuse as it was before the implementation of the Peace Agreements?

It is not easy to answer. According to the 15 Colombian associations here, the narrative isn’t unique. Though they all agree on the fact that we cannot consider what is presently succeeding in Colombia as « peace ». According to the data we have, from January 2016 to February 2017, almost 180 human rights defenders were killed, and we only refer to the phase that took place directly after the signing of the agreements. According to this data, we could say that the situation hasn’t changed. Actually, civil society and the conflict’s victims were fairly involved in the peace process, and this participation space has created a more or less vivid consciousness, at least at the associations and social organisations’ level, also in those that didn’t deal with the theme of peace. Yesterday, we met Rigoberto Perez of the Celan (LatinAmerican Episcopal Conference) and Diego Martinez (Farc’s lawyer, who participated in the writing of the agreements in Cuba) and they don’t talk about peace for the moment. They refer to the « post-conflict Colombia » : they think that, at the moment, we are in the phase of the finalization of the conflict because we can’t talk about peace until the six points of the agreements will all be implemented (agrarian reform, victims support, give up growing coca, disarmament, etc.). The sixth point is particularly important, as it refers to the necessity to create structures to implement the first 5 points. At the moment, they are creating these structures which are laboriously seeing the light of day, also thanks to the participation of civil society. Hence, it is a great time. Even though it might be politicized by the new Farc party, that are not a guerrilla anymore.

What are the positive and negative consequences of the Peace Agreements in Colombia ?

The most positive consequence is the birth of the idea of « reparatory justice » given the fact that complete truth, in a such a long conflict, is very difficult to obtain but that, at the same time, it is possible to begin talking about restoring the damage and meeting between victims and executioners. And also that it is possible for the victims’ relatives to participate to the construction of « grass-root » non-violent dynamics or also, simply to be recognized as victims’ relatives. This, itself, is a relevant change. The true drama is that, at the international level, the agreements are now considered ancient history. It is believed now that help is not needed anymore because Colombia would be now a happy place. But it is not… It is not… The other aspect to acknowledge is that this peace gives space to international investments, which were already present before, but which are, thanks to the signing of the peace agreements, more and more significant. Therefore, it will be more difficult to stop multinational firms’ investments. If guerrilla was feared in the past, when for example, one wanted to buy a piece of land, it is now much easier : given the fact that the most of the arms are handed over, international investment is easier. Though it is not positive.

Can we say that narcotrafficking is the main problem regarding organized crime in Colombia or on the contrary, that the ELN guerrilla, the dissident group of FARC and Bacrim (the paramilitary) represents the greater danger ?

According to the Colombian organizations present here, corruption is present inside any institutions at whatever level. Narcotrafficking and corruption are the first problems. Paramilitary is a consequence of corruption, which is subject to decisions that are coming from higher levels. Homicide of human right defenders is not random, that’s for sure.

Talking about you. Libera has launched the «  travels of memory and commitment ». Can you explain to us what it is about and why it is so important ?

The project is called « Giramondi – Atrevete mundo, the travels of memory and commitment », and has existed for 6 years. Each year, to introduce the associations the Red Alas network, we visit a specific country for 15 days, usually in May. We’ve been, at the moment, in Argentina, Mexico, Colombia, Bolivia, Brazil, Guatemala. We obviously do not travel for touristic reasons, but to know the associations which, as Libera, are working at the local level to make a change their country, ad are doing it inside a network. « Giramondi » is composed by a group wanting to know the associations not only from the Red Alas network but also new ones. These associations are co-involved during the trip also to know if they are keen to be a part of the network. Basically, we are looking for good practices. « Atrevetemundo » instead is a project for younger people, and economically less expensive as we sleep directly in the association we’ve reached or directly in the people’s homes (in the community where the organization we’ve reached is). We work with them for a week or ten days. Or depending on their availability. The whole trip is organized by the associations with which we’re partnering. We only do a proposal, and if it is accepted, we build the program together. We are ok with how they want to be recognized : therefore, the participants do not exactly know what to expect. These travels are very important because, this way, we introduce to Italy what exists in Latin America. Generally, there is a huge communication problem, as we can see with what is happening this week here. Hence, having the opportunity to stay in another country, thanks to a social oriented network that can be trusted, allows us to raise awareness on some thematics, whilst it allows them to be recognized and to get in touch with other subjects, given the fact that, for example, with these projects, we also involve embassies o we facilitate meetings with other local institutions.

il Salto – Blog di transizione – Original article here.

 

ITALIANO

La legalità democratica deve affrontare e risolvere il problema della criminalità organizzata. È quanto stanno affermando in questi giorni (dall’11 al 18 dicembre) 50 organizzazioni di 11 Paesi del mondo ad Ubaque, in Colombia, alla seconda Assemblea della Red Alas – America Latina Alternativa Social. La rete nasce in Messico nel 2015, e, da allora, sta lavorando su diversi progetti nazionali ed internazionali per elaborare strategie di resistenza civile in grado di costruire alternative sociali, politiche e legali, al crimine organizzato. L’America Latina, sconvolta da potenti organizzazioni mafiose e da gruppi armati di diversa natura, è il posto più indicato per fare il punto sul bilancio del percorso sin quì avviato. Ne parliamo con Giulia Baruzzo di Libera internazionale, organizzazione italiana presente all’incontro e perno della rete.

Da quando siete nati come rete, nel maggio del 2015 in Messico, avete avviato 18 progetti di trasformazione sociale. Quali risultati avete ottenuto?

Anche se i 18 progetti sono andati molto bene, non li abbiamo ancora condivisi. In generale, il risultato più grande è la formazione di una rete a carattere nazionale delle organizzazioni della società civile che fanno parte della Red Alas. Ad esempio in Messico, grazie soprattutto a questa rete, c’è un’organizzazione, che raggruppa più di 20 associazioni, che ha sostenuto le attuali leggi sul riuso dei beni confiscati e sulla “desaparición forzada” (importante legge per dare verità, giustizia e garanzie di non ripetizione ai familiari delle persone, ufficialmente scomparse, vittime di sequestro di persona o di omicidio, ndr). Sempre in Messico, è stata approvata qualche giorno fa, invece, una legge orribile sulla sicurezza interna, perché legalizza la repressione delle manifestazioni della società civile. Questa rete messicana è in prima linea per opporvisi e per sensibilizzare l’opinione pubblica non solo sulla legge ma anche su cosa accade a livello di Presidenza della Repubblica. Dato che, in molti casi, i cittadini non lo sanno. In particolare, invece, abbiamo fatto una dichiarazione comune su 7 assi tematici in base ai quali abbiamo lanciato un bando interno, a cui tutti potevano partecipare presentando un progetto sulla base di una scheda a cui attenersi. Per esempio su “Prevención social y educación informal” (Prevenzione sociale ed educazione informale, ndr), che è uno degli assi tematici concordati nella prima assemblea (del 2015, ndr), ci sono stati 5 progetti tutti orientati all’educazione per i giovani, su educazione informale e attività ricreative. Ce n’è stato uno bellissimo, che è “Futuro scopio”: dei bambini di diversi paesi (Bolivia, Messico, Colombia) hanno imparato cos’è la fotografia, come si fa e a cosa serve. Hanno dovuto fotografare le loro realtà, analizzando prima i contesti. Questo, poi, è diventato una mostra e uno scambio (perché i ragazzi della Bolivia e del Messico hanno visto le foto della Colombia, e viceversa).

Nel 2017 avete sviluppato cinque ricerche di tipo partecipativo sull’utilizzo dei beni confiscati in altrettanti Paesi dell’America Latina. Di quali tipi di beni confiscati vi occupate? E com’è il processo partecipativo?

Dipende dal Paese. In particolare ci riferiamo ai beni criminali, e, quando è possibile, anche ai beni legati agli atti di corruzione, come per esempio in Guatemala. Dipende dalla legislazione specifica. Però, in generale, partiamo dalla tesi che la confisca dei beni ottenuti da attività illegali è uno strumento per attaccare la criminalità organizzata e la corruzione, anche a livello economico. È giusto mettersi ad analizzare e studiare, in questo senso, cosa avviene nel proprio Paese, per capire come implementare la legge o come scambiarsi buone pratiche a livello nazionale. Ma anche per promuovere, come obiettivo finale, l’uso sociale dei beni confiscati. Come facciamo in Italia.

La stessa cosa?

L’uso sociale dei beni confiscati alla criminalità organizzata che abbiamo in Italia è un caso unico al mondo. È una buona pratica che abbiamo solo noi.

Immagino sia il modello che state proponendo anche in questa rete.

Sì. Anche se, in realtà, non è un modello nuovo per Alas, dove parliamo da anni di questo, in relazione allo scambio delle buone pratiche. Però, per la prima volta, le organizzazioni di altri 5 Paesi hanno analizzato la situazione. Per individuare casi analoghi, magari legati alle buone pratiche sui beni comuni. Oppure nei casi in cui c’è una confisca ma in senso negativo (quando si abusa di questo strumento). Abbiamo cominciato a sviluppare una certa coscienza ed expertise sul tema, anche da parte di organizzazioni che non se ne occupavano direttamente. E ad ottenere dei risultati tangibili. Per esempio, nella nuova Costituzione dello Stato di Città del Messico, pochi giorni fa, è stata approvata una legge sull’uso sociale dei beni confiscati.

La rete si appoggia sul rispetto del principio di legalità e delle istituzioni pubbliche, per conservarle e difenderle. Ma cosa succede quando il crimine è commesso dallo Stato, come è avvenuto per lungo tempo in Colombia?

No, no, no. Una volta, effettivamente, si parlava più di questo. Adesso si parla prima di giustizia sociale e poi di legalità democratica. Non parliamo di “legalità”, ma di legalità democratica, e, prima ancora, di giustizia sociale, che è il nostro termine principale. Come Libera lo facciamo anche in Italia. In America Latina, come tu ben sai, è inutile parlare di legalità, perché la criminalità è dentro lo Stato, e la corruzione è uno degli strumenti più efficaci per realizzare uno “Stato criminale”. Quindi non possiamo parlare di legalità. La legalità è la conseguenza del fatto che c’è una buona politica, là dove esiste.

Restando alla Colombia, anche visto che vi trovate là in questo momento, qual è la situazione del post-conflitto? La popolazione si trova nella stessa condizione di pericolo e di abuso anteriore all’implementazione degli accordi di pace?

Non è facile risponderti. Se stiamo a quanto dicono le 15 associazioni colombiane qui presenti, il racconto non è univoco. Ma tutti sono d’accordo sul fatto che non si può considerare quello che c’è in Colombia, al momento, come “pace”. Se ci atteniamo ai dati che abbiamo, da Gennaio 2016 a Febbraio 2017 sono stati ammazzati quasi 180 difensori dei diritti umani. Riferendosi solo alla fase successiva alla firma degli accordi. Sulla base di questo dato potremmo dire che la situazione non è cambiata. In realtà, la società civile e le vittime del conflitto sono state abbastanza coinvolte nel processo di pace, e questo spazio di partecipazione ha creato una coscienza più o meno viva, almeno a livello di associazioni e organizzazioni sociali, anche in quelle che prima non si occupavano del tema della pace. Ieri abbiamo incontrato Rigoberto Perez, del Celan (Conferenza Episcopale Latinoamericana) e Diego Martinez (avvocato delle Farc, che ha collaborato alla scrittura degli accordi, a Cuba), e non parlano di pace in questo momento. Si riferiscono, invece, alla “Colombia del postconflitto”: pensano che in questo momento siamo nella fase della finalizzazione del conflitto, perché non si può dire che ci sia la pace sino a quando non verranno implementati i 6 punti degli accordi (riforma agraria, supporto alle vittime, fine delle coltivazioni di coca, disarmo, etc). Il sesto punto è particolarmente importante, perché fa riferimento alla necessità di creare delle strutture per implementare i primi 5. In questo momento si stanno creando queste strutture, che, faticosamente, stanno nascendo anche grazie alla partecipazione della società civile. Quindi è un buon momento. Anche se rischia di essere politicizzato dal nuovo partito delle Farc, che non sono più una guerriglia.

Quali sono le conseguenze positive e quelle negative dell’accordo di pace in Colombia?

La conseguenza più positiva è la nascita dell’idea di “giustizia riparatrice”. Data dalla consapevolezza che la verità completa, in un conflitto così lungo, è molto difficile da ottenere, ma che, allo stesso tempo, è possibile cominciare a parlare di riparazione del danno e dell’incontro tra vittime e carnefici. E che è possibile per i familiari collaborare alla costruzione di dinamiche non violente “dal basso”, o anche che, semplicemente, vengano riconosciuti come familiari delle vittime. Il che, in sé, è un cambiamento rilevante. Il vero dramma è che, a livello internazionale, gli accordi sono ormai considerati acqua passata. Si pensa, per questo, che gli aiuti non servano più, perché la Colombia è diventato un posto felice. Che non è…che non è…L’altro aspetto da considerare è che questa pace dà spazio agli investimenti internazionali, già presenti anteriormente, ma che, con la firma degli accordi di pace, sono più costanti. Sarà, quindi, più difficile fermare gli investimenti delle multinazionali. Se prima si aveva paura della guerriglia, quando, per esempio, si voleva comprare un pezzo di campagna adesso è molto più facile: visto che la maggiorparte delle armi sono state consegnate l’investimento internazionale è più facile. E non è qualcosa di positivo.

Possiamo dire che il narcotraffico costituisce il problema maggiore rispetto al crimine organizzato in Colombia, oppure, invece, la guerriglia dell’Eln, i gruppi dissidenti delle Farc e le Bacrim (i paramilitari) rappresentano il pericolo più grande?

Secondo le organizzazioni colombiane quì presenti, la corruzione è interna alle istituzioni di qualsiasi livello. Narcotraffico e corruzione sono i primi problemi. Conseguenza della corruzione è il paramilitarismo, che è soggetto a decisioni che stanno più in alto. L’omocidio dei difensori dei diritti umani non è casuale, questo è certo.

Veniamo a voi. Libera ha avviato i “viaggi della memoria e dell’impegno”. Ci puoi spiegare cosa sono e perché sono importanti?

Il progetto si chiama: “Giramondi-Atrevete mundo, i viaggi della memoria e dell’impegno”, ed esiste da 6 anni. Ogni anno, per far conoscere le associazioni della Red Alas, visitiamo un Paese specifico per 15 giorni, di solito nel periodo di Maggio. Siamo stati, per il momento, in Argentina, Messico, Colombia, Bolivia, Brasile, Guatemala. Non viaggiamo ovviamente per turismo, ma per conoscere quelle associazioni che, come Libera, lavorano, a livello locale, per realizzare un cambiamento nel loro Paese, e lo fanno in rete. “Giramondi”, quindi, è composta da un gruppo che vuole conoscere le organizzazioni non solo della rete Alas, ma anche di nuove. Queste associazioni vengono coinvolte durante il viaggio anche per sondare se vogliono entrare a far parte della rete. Cerchiamo, in sostanza, buone pratiche. “Atrevete mundo”, invece, è un progetto per i più giovani, ed è economicamente meno oneroso perché si dorme direttamente nell’associazione contattata o nelle case di privati (nella comunità dove c’è l’organizzazione da noi contattata). Lavoriamo con loro per una settimana o 10 giorni. Ossia rispetto alla loro disponibilità. Tutto il viaggio è organizzato dalle associazoni con cui ci gemelliamo. Noi facciamo solo una proposta e, se viene accolta, costruiamo insieme il programma. A noi va bene come loro vogliono essere conosciute. Per questo chi partecipa non sa bene cosa lo aspetterà. Sono viaggi importanti perché, in questo modo, facciamo conoscere all’Italia ciò che esiste in America Latina. In generale c’è un grosso problema di comunicazione, come si vede se consideriamo cosa sta succedendo quì questa settimana. Quindi avere l’opportunità di stare in un altro Paese, grazie ad una rete sociale di fiducia, permette a noi di fare sensibilizzazione su alcune tematiche, mentre permette loro di farsi conoscere e di entrare in contatto con altri soggetti, dato che, per esempio, con questi progetti coinvolgiamo anche ambasciate o facilitiamo incontri con altre istituzioni locali.

 

il Salto – Blog di transizione – Articolo originale disponibile al seguente link.